Perché la Ricerca e il SEO sono Importanti

Nel 2009, Bill Gates ha tenuto un discorso durante una cena privata nel quale ha affermato che “il futuro della ricerca sarebbero stati i verbi”.

Gates non stava parlando delle parole che le persone digitano nelle caselle di ricerca, stava piuttosto parlando del perché le persone cercano.

Prima di poter capire perché la ricerca è importante, dobbiamo fare un passo indietro e capire perché la gente effettua ricerche online.

Perché le persone si rivolgono al web per la ricerca

All’inizio, le persone cercavano un elenco di documenti che contenessero le parole digitate. Ora non avviene più questo nella stragrande maggioranza dei casi.

I ricercatori di oggi cercano di risolvere i problemi, di svolgere compiti e di “fare” qualcosa. Potrebbero cercare di prenotare un volo, comprare qualcosa, imparare gli ultimi testi di Taylor Swift o sfogliare le foto dei gatti, ma queste sono tutte azioni. O, come Gates diceva, sono i verbi.

Quando un utente avvia una ricerca, sta iniziando un viaggio. Gli esperti di marketing adorano parlare di quello che viene definito come “il percorso del consumatore”. È solo un modo elegante di fare riferimento al percorso di un utente dall’inizio della ricerca fino al completamento – e la maggior parte di questi viaggi inizia con una ricerca.

Il percorso del consumatore ha progressivamente svolto un ruolo più ampio nella ricerca web nell’ultimo decennio. Originariamente era come un imbuto in cui gli utenti passano dalla consapevolezza alla considerazione per l’acquisto, questo vecchio percorso del consumatore è diventato obsoleto (anche se usiamo ancora questo modello a scopo illustrativo e per facilitare la ricerca personale).

L’evoluzione della ricerca e il percorso del consumatore

Il moderno percorso del consumatore non rappresenta più un imbuto, ma assomiglia più a una cannuccia pazza – con vari colpi di scena che rappresentano i vari canali, mezzi e dispositivi con cui gli utenti interagiscono oggi.

Per adattarsi a questo nuovo modello, la ricerca ha dovuto evolversi dalle semplici parole sulla pagina (keyword) per comprendere l’intento dell’utente in ogni fase del viaggio. La ricerca non riguarda più solo le parole chiave oggi, ma si è evoluta nel fornire i contenuti giusti all’utente giusto al momento giusto nel loro percorso online per aiutarli a svolgere il loro compito.

Per gli utenti, tutto si muove sui verbi. Per i marketer della ricerca, si tratta di aiutare l’utente nel suo viaggio (e, idealmente, di influenzarlo un po’ lungo la strada).

Attenendosi a questo modello, si può anche notare che la navigazione dei consumatori di oggi non si svolge più su un singolo dispositivo. Gli utenti possono avviare una ricerca sul proprio dispositivo mobile, continuare la ricerca sul proprio tablet o laptop di lavoro e infine acquistare dal proprio desktop una volta rientrati a casa.

La ricerca non si limita solo a computer o smartphone. Gli utenti oggi possono effettuare una ricerca da una varietà di dispositivi, tra cui orologi, occhiali intelligenti, assistenti per altoparlanti bluetooth e persino elettrodomestici da cucina. Nel mondo di oggi, anche il mio frigorifero ha il suo account Twitter e i marketer della ricerca devono essere consapevoli di come i vari dispositivi si collegano tra loro e svolgano un ruolo nell’esperienza di ricerca di un utente.

C’è un dibattito sul fatto che sia sempre stato così, ma nel mondo di oggi perennemente iperconnesso, la SEO si è trasformata in quello che chiameremo “vero marketing”.

Sono finiti i tempi di hack, trucchi e tentativi di decodificare gli algoritmi.

La SEO di oggi si concentra su elementi quali:

  • Comprensione delle persone.
  • Informazioni basate sui dati.
  • Strategia sul contenuto.
  • Risoluzione di problemi tecnici.

I 3 principali inquilini di qualsiasi strategia o campagna di marketing

La ricerca tocca tutte e tre queste aree:

  • Attirare
  • Catturare
  • Convertire

Ma la ricerca si concentra in maniera molto approfondita sulla prima fase: attirare.

“Se lo costruisci, arriveranno” come motto potrebbe trovare applicazione ai campi da baseball, ma non funziona con i siti Web.

La ricerca di parole chiave ha appena ottenuto un aggiornamento

Abbiamo rivisto i nostri strumenti di ricerca per parole chiave. Ora, occorre ottenere dati per come non li hai mai visti. Più parole chiave, migliore comprensione, ROI più elevato.

Questo è il motivo per cui, nonostante alcune affermazioni contrarie da parte di clienti o agenzie di progettazione, ogni pagina web è e rappresenta, in realtà, una pagina SEO.

Se una pagina web è coinvolta nell’attirare dei visitatori, nel coinvolgimento o nella loro conversione, dovrebbe esserci un importante componente SEO in quella pagina.

Perché è importante la SEO?

Utenti, viaggio, ricerca, verbi: si capisce perché la SEO è importante? Gli utenti sono importanti e molti di loro iniziano con una ricerca, quindi la ricerca è importante.

La SEO non è solo una questione da sviluppatore? Ho sentito che c’era un plugin per questo. Google e Bing non riescono a capire il mio sito Web?

Abbiamo iniziato questa storia con una citazione di Gates, ma è stata Google piuttosto che Microsoft a prendere a cuore la filosofia che c’è dietro l’ottimizzazione.

Cose come Hummingbird, Panda, Penguin , RankBrain , Mobilegeddon , Possum, Pigeon, enti e AMP sono stati essenzialmente tutti i tentativi di Google di adattare il suo algoritmo di ricerca per passare dalle parole alle azioni – e aiutare gli utenti a svolgere qualsiasi attività su cui possano essere focalizzati – ma tutte queste cose non sono così semplici da capire.

La SEO ha fatto molta strada dai tempi dei metadati. Certo, ci sono molte buone pratiche coinvolte che “dovrebbero” essere coperte dal team di sviluppo o da un plug-in ma spesso non lo sono.

I siti Web di oggi sono più funzionali di quanto non siano siti Web e app dotate di molte funzioni fantasiose che non sempre girano al meglio con i motori di ricerca.

Fare buona SEO oggi

Un buon SEO non può concentrarsi unicamente sui contenuti, ma dovrà anche aiutare:

  • Chi naviga tra più versioni della stessa pagina.
  • Risolvere problemi tecnici che rendono il contenuto invisibile ai motori di ricerca.
  • Con le impostazioni del server corrette.
  • Integrare con social media, contenuti, creatività, esperienza utente, ricerca a pagamento o analisi.
  • Trovare modi per velocizzare un sito.

Un buon professionista SEO non solo capisce chi effettua le ricerche online, ma si premura anche di avere a propria disposizione la totalità del panorama competitivo. Non è sufficiente comprendere semplicemente l’attività dell’utente, i marketer della ricerca devono capire quali altre opzioni sono presenti sul mercato e come possono colmare il divario per fornire una soluzione migliore per l’utente.

Si è percorsa molta strada dalle parole chiave sulle pagine al marketing a servizio completo. I professionisti SEO possono indossare più “cappelli” mentre aiutano a collegare team di sviluppo, architettura dell’informazione, esperienza utente, strategia dei contenuti, marketing, social e media a pagamento. È un gioco di dare e avere tutto nel tentativo di creare qualcosa che funzioni per i motori di ricerca e gli utenti.

Ci sono molti ammonimenti su riprogettazioni di siti o relativi al nuovo sistema CMS che causa la caduta o la scomparsa del traffico di un sito, lasciando le aziende in difficoltà. Il fatto è che la maggior parte dei cambiamenti del sito web influiscono sulla SEO e solo includendo la SEO in anticipo e in tutto il progetto un’azienda si può sperare di vedere risultati positivi sul lungo o medio periodo.

Quindi perché la ricerca è importante? La ricerca è importante perché gli utenti contano.

Mentre la tecnologia continua a evolversi, i SEO si occuperanno costantemente di nuovi modi atti a permettere di effettuare una ricerca, nuovi dispositivi su cui cercare e nuovi tipi di ricerche (come la ricerca vocale ad esempio) ma l’unica cosa che rimarrà costante è il motivo per cui le persone fanno una ricerca. I verbi non stanno andando via.

Un giorno potremmo essere travolti dall’intelligenza artificiale o caricare la nostra coscienza nella singolarità – ma fino ad allora avremo ancora bisogno di risolvere problemi e svolgere compiti – e una qualche forma di ricerca sarà sempre coinvolta in questo.

 

 

Fatti sentire